La pace di Piero

27 luglio 2017

Il nonno, antesignano dello street food, preparava il polpo “in tempo reale” sul lungomare di Mondello; il padre ancora oggi va a pesca ogni mattina nei mari palermitani; il figlio è già in sala, pronto a seguirne le orme. Quello di Piero, titolare dell’omonima trattoria che si affaccia sulla piazza principale di Mondello, è molto più di un mestiere: è storia di una famiglia e di un paese. Questo è lo spirito con cui il piccolo ristorante lavora, restando aperto per l’intera giornata e fino a tarda sera, accogliendo i clienti come degli ospiti e, soprattutto, cucinando direttamente di fronte a loro i magnifici prodotti esposti sul bancone all’ingresso. Inutile dire che l’atmosfera ci è piaciuta, anche perché le delizie portate in tavola non tradiscono le attese: a cominciare dall’eccezionale polpo bollito, preparato in una pentola che ha più di 70 anni di vita, per continuare con cozze, vongolegamberiscampi, linguine e risotti vari… e uno straordinario sorbetto al limone e pesca per concludere. Se vi è venuta fame, non vi resta che partire per la Sicilia, o perlomeno “assaggiare” la nostra recensione!

20170721_210519

Annunci

Si Salvo chi può

26 maggio 2016

L’apparenza è scialba e a tratti francamente inquietante, ma l’estrema periferia Nord-Ovest di Milano ultimamente offre notevoli sorprese gastronomiche. Vi abbiamo già parlato più volte di Zio Ninì e del suo pesce fresco a prezzi stupefacenti; ma ancora più in là, a due passi dal Cimitero Maggiore, c’è un altro indirizzo validissimo per chi ama la cucina di mare. Stiamo parlando dell’Osteria da Salvo, un vero e proprio tempio della cucina siciliana a Milano: nonostante il nome, si tratta di un ristorante con tutti i crismi, sobrio ma curato e dai prezzi “normali” per la città (tra i 35 e i 45 euro il conto finale). Nel menu tutti i piatti della tradizione gastronomica dell’isola: pasta con le sarde, caponata, cassata siciliana sono soltanto alcuni esempi. L’assortimento è notevole e la qualità media più che buona: vale una visita, anche per i tanti e pregiati vini siciliani della cantina, proposti a prezzi decisamente competitivi. Se volete saperne di più, non vi resta che leggere la nostra recensione completa!

20160525_213806

Modica quantità

1 dicembre 2015

Se state pensando al normale cioccolato, dimenticatevelo: il cioccolato di Modica è un’esperienza sensoriale – e mistica – a parte. Un’ottima occasione per scoprirlo, per chi ancora non lo conoscesse, è la kermesse Chocomodica, in programma nella cittadina in provincia di Ragusa da sabato 5 a martedì 8 dicembre. L’organizzazione è la stessa dei più grandi eventi nazionali dedicati al cioccolato (come Eurochocolate, per intenderci) e il claim “Merita un viaggio” strizza l’occhio anche ai buongustai più lontani dalla Sicilia. In effetti, l’offerta è allettante: quattro giorni tra i magnifici monumenti barocchi di Modica, in coincidenza con il “ponte” dell’Immacolata, e soprattutto un ricchissimo calendario di eventi “cioccolatosi”. Da citare: il concorso Chocosculture, le degustazioni di vino grappa in abbinamento al cioccolato, i laboratori di lavorazione del cioccolato, le Notti fondenti con musica e spettacoli, e naturalmente gli assaggi gratuiti proposti da oltre 30 espositori. Per l’occasione, i ristoranti del territorio offriranno speciali menu al cacao e i musei resteranno aperti fino a mezzanotte. Approfittatene!

12310048_1003086936399827_5008712257095709344_o

Trapani Advisor

21 luglio 2015

Adesso che la moda è scoppiata definitivamente e che ogni piccola sagra di paese è diventata “street food“, bisogna dare a Trapani quel che è di Trapani: nella città siciliana la rassegna del cibo di strada era già nata molto tempo prima, e quest’anno arriva alla sua settima edizione. Stiamo parlando di Stragusto, un appuntamento ormai consueto nel panorama enogastronomico estivo, che quest’anno si svolge da giovedì 23 a domenica 26 luglio nella tradizionale sede dell’Antico Mercato del Pesce di Trapani. Rispetto ad altri eventi analoghi, Stragusto ha da sempre un sapore inequivocabilmente mediterraneo: tra le sfiziosità da assaggiare trionfano panellearancinisfincionipanini cà meusa, rascadura, focacce e dolci siciliani. Ma non solo: a dare un sapore internazionale al festival ci sono i piatti della Palestina e del Senegal, oltre all’immancabile Cùscusu nelle sue mille varianti provenienti dalle due sponde del Mediterraneo. Da non perdere!

stragusto

Sicilia con gusto

17 luglio 2015

Caldo opprimente per caldo opprimente, tanto vale passare questo luglio in Sicilia, come ben sa il nostro Coordinatore delle Risorse Umane che ben presto (non) ci farà avere le sue puntuali recensioni dall’isola. E come ben sanno anche gli organizzatori di Terramare, l’evento che da oggi (venerdì 17) fino a mercoledì 22 luglio porterà al Castello di Milazzo, in provincia di Messina, tutti gli aromi e i sapori di una terra fantastica anche dal punto di vista gastronomico. Oggi alle 18 l’inaugurazione, seguita da apericena, show cooking e da un imperdibile master sul cannolo siciliano. Da domani, stand aperti dalle 10 a mezzanotte per un vero e proprio trionfo dei prodotti tipici della Trinacria: agrumi, pistacchio, arancini, cioccolato di Modica, formaggi e vini sono solo alcuni dei protagonisti della rassegna che darà spazio anche ai Presìdi Slow Food siculi, come Pomodoro Siccagno e Lenticchia di Villalba. Appuntamento decisamente da non perdere: tutte le informazioni sul sito ufficiale.

terramare

On the road again

23 luglio 2014

Cibo di stradais the new “Antica osteria”: ormai dalle nostre parti il cartoccio di olive all’ascolana fa quasi più chic del risotto con la foglia d’oro, il che non sarebbe neanche male in tempi di crisi. Ma se a celebrare lo street food è la Sicilia, terra di arancine e panelle, l’ironia va lasciata da parte. E in effetti è proprio a Trapani che da oggi, giovedì 24, fino a domenica 27 luglio si svolge la nuova edizione di Stragusto, il Festival del cibo di strada del Mediterraneo: accanto a prodotti nostrani come lampredotto, trippa toscana, farinata, pane ca meusa e l’immancabile cùscusu trapanese, ci saranno infatti anche kebab e felafel, e persino specialità dei Paesi Baschi, che non saranno “mediterranei” ma di cibo se ne intendono. Il tutto si svolge nell’antica piazza del Mercato del Pesce, tutti i giorni dalle 18.30 a mezzanotte: nel ricco programma, anche una serie di laboratori gastronomici su prenotazione.

stragusto

Thanks for all the fish

7 giugno 2012

La pesca: una delle risorse fondamentali dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma anche un’attività in crisi, sia dal punto di vista economico, sia per le sue ricadute sull’ambiente. Se ne parla da venerdì 8 a domenica 10 giugno nell’ambito di Slow Sea Land, evento organizzato da Slow Food e dalla Regione Sicilia nella splendida casbah di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani. Nell’occasione si svolgeranno a Mazara, tra l’altro, il Forum della Pesca per il Mediterraneo, con rappresentanti di Egitto, Libia, Malta, Tunisia e Turchia, e il Consiglio internazionale di Slow Food, l’ultimo prima del Salone del Gusto di ottobre. Ma Slow Sea Land è anche un appuntamento per i semplici visitatori che amano il buon gusto: tutte le sere dalle 17 e fino a mezzanotte (la domenica fino alle 22) è aperto il Mercato con una trentina di espositori che porteranno a Mazara pesci, crostacei e molluschi, ma non solo. In evidenza l’area dedicata ai Presìdi Slow Food (dal cappero di Salina alla manna delle Madonie), le Cucine di Strada e 6 appuntamenti con i Laboratori del Gusto.

Le Olimpiadi di Pachino

11 maggio 2012

“Non giocate col cibo!” ammonivano severe nonne e mamme di un tempo. Ma a Pachino, la cittadina in provincia di Siracusa celebre in ogni parte del mondo per i suoi pomodori, ci si diverte a trasgredire questa antica norma in occasione dell’Inverdurata, un’inconsueta gara di mosaici… vegetali. Ogni anno, infatti, i più creativi tra gli studenti di Pachino (ma non solo) si cimentano nella realizzazione di opere d’arte rigorosamente a base di verdura, da esporre lungo la centralissima via Roma: le più belle riceveranno anche premi in denaro. La nona edizione della manifestazione si svolge tra sabato 12 e domenica 13 maggio, accompagnata da una fioritura – è il caso di dirlo – di eventi collaterali: spettacoli musicali, tornei di scacchi e di pallavolo, ma soprattutto il convegno “L’invenzione del pane quotidiano” e la degustazione della domenica sera (ore 19) a cura dell’Istituto Alberghiero della città. Una gioia per gli occhi e per il palato!

Benvenuti al Sud

4 maggio 2012

Busto Arsizio, “Terronia”. Chissà come la prenderebbero i simpatizzanti del Sole delle Alpi, se al momento non avessero ben altro a cui pensare: fatto sta che la cittadina del varesotto, recentemente salita agli onori delle cronache per lo scudetto conquistato nella pallavolo femminile, è stata per tutto il secolo scorso meta di corposa immigrazione dal Mezzogiorno. E domani, sabato 5 maggio, celebra il Sud e i suoi sapori con due eventi slegati tra loro, ma curiosamente coincidenti: alle 10.30, presso la Galleria Boragno di via Milano 4, si terrà la presentazione del libro “Proverbi e detti lucani” di Angela Matera ed Elisabetta De Lucia, seguita da un succulento aperitivo a base di prodotti tipici della Basilicata. Alle 18 è invece la volta della Sicilia, alla Cooperativa Bontà EQUAlità di via per Lonate 88, dove prosegue la serie degli aperitivi “regionali” organizzati in collaborazione con la Condotta Provinciale di Slow Food: con soli 7 euro si potranno assaggiare caponata, panelle, cioccolato di Modica, vini Donnafugata e tutti i Presìdi Slow Food dell’isola.

Un vulcano in cucina

21 aprile 2011

La notizia del fine settimana: le Locuste sono diventate fan del Cavaliere. Non quello a cui state pensando, bensì il Cavalier Nino Mannino, da sempre deus ex machina della Trattoria Casalinga di Catania: un locale che ci ha talmente impressionato da entrare direttamente al decimo posto della nostra Eat Parade. Per conoscere le ragioni di questa “investitura” vi toccherà, ancora una volta, leggere la nostra recensione. Per il momento vi basterà sapere che Nino ci ha conquistato con il suo inconfondibile sarcasmo siculo e le sue teorie razziali sui rapporti tra italiani, siciliani e… svizzeri: una lezione di vita che non dimenticheremo! Seguiteci nei prossimi giorni per altre gustosissime novità dalla Trinacria.