La rivincita dei nerds

Ebbene sì, torniamo a rivangare l’annosa diatriba sulle foto di cibo. “Ancora??” diranno i nostri piccoli lettori. Ma, a parte il gusto della polemica, c’è un altro validissimo motivo: la notizia che arriva da Londra, dove un furbo ristoratore ha trovato il modo per farsi pubblicità gratuita con un’iniziativa senza precedenti. Al Bird’s Eye (per inciso, è anche il nome di una tecnica fotografica…) i maniaci del food porn hanno infatti la possibilità di mangiare gratis: basta scattare una foto al piatto ordinato, caricarla su Instagram con l’hashtag #birdseyeinspiration e il gioco è fatto, il prezzo della pietanza sarà scalato dal conto. Idea geniale che, perlomeno, dissiperà ogni dubbio sul galateo degli smartphone a tavola… chissà se valgono anche le fotografie ai piatti vuoti, come nella nostra proposta di #afterfoodselfie. Comunque, in attesa che la formula vincente approdi anche in Italia, se volete testarne personalmente l’efficacia tenete presente che il Bird’s Eye è un pop-up restaurant, ossia uno dei ristoranti temporanei tanto in voga nella capitale britannica (e che quasi tutti i quotidiani e siti italiani ne riportano il nome in modo errato, ma questa è un’altra storia).

birdseye

Annunci

Diario di Borgo

Spiagge, locali notturni e divertimenti sfrenati: Rimini non è solo questo e le Locuste lo sanno bene, viste le belle esperienze culinarie del passato. La benemerita Osteria dë Börg, uno dei migliori indirizzi della città, è instancabile promotrice di eventi e rassegne a carattere gastronomico, e mette lo zampino anche in quella al via questa sera: Un Borgo da Bere, rassegna di degustazioni vinicole in 10 locali del Borgo San Giuliano, antico quartiere di pescatori da tempo in fase di riqualificazione. Ogni giovedì, fino al 20 dicembre, verranno proposti aperitivi a tema enologico: si comincia proprio stasera, 22 novembre, con “Il giromondo di bollicine” (dal Prosecco allo champagne), per poi continuare il 29 novembre e il 6 dicembre con rossi e bianchi internazionali, il 13 dicembre con diverse varietà di Sangiovese e il 20 dicembre con Nebbiolo, Sassella e Moscato.
Approfittiamo intanto dell’occasione per segnalarvi che abbiamo pubblicato (per i nostalgici…) nuove foto del Salone del Gusto dello scorso ottobre, mentre su Facebook uno dei nostri fan – con i dovuti tempi di recupero – ha pubblicato alcune belle immagini dell’ultimo pranzo stagionale al Crotto da Gusto: buona visione!

Anche l’occhio vuole la sua parte

In attesa di relazionarvi sulla nostra breve visita all’Italia Beer Festival di Milano, oggi chiudiamo subito con le parole e lasciamo spazio alle immagini: quelle provenienti da un altro grande evento svoltosi nel fine settimana, il Taste di Firenze. Ringraziamo l’amico Giacomo per il reportage (involontario). Buona visione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sapore del Nepal

Una delle nefandezze gastronomiche più eclatanti dell’ultimo secolo sono i cosiddetti “spaghetti alla bolognese” (o bolonnaise, o mille altre varianti): una fantomatica specialità della cucina italiana che spopola all’estero, al punto tale che, per un meccanismo perverso, ormai anche i ristoratori del nostro paese hanno imparato a proporla ai turisti stranieri. La cosa, generalmente, non ci fa affatto ridere. Stavolta però, grazie alla consueta perizia della nostra Reginetta delle Sagre, possiamo offrirvi un contributo esclusivo direttamente dal lontano Nepal, che ci fa decisamente rivalutare la creatività degli chef pseudo-italiani sparsi per il mondo. Vedere l’immagine per credere: dove altro potreste assaggiare gli “spaghetti blognicese“?

Parigi val bene una messa (a fuoco) – 6

Pensavate che vi avessimo abbandonato o che fossimo stati definitivamente messi ko dalla calura estiva? E invece no! Torniamo subito alla carica con la rubrica più gettonata delle ultime settimane: ecco altre due immagini che ci arrivano direttamente da Oltralpe, grazie al prezioso lavoro della nostra Petite Reine.

Qui, per la verità, c’è davvero poco da celebrare: siamo a Versailles al ristorante Le Tire Bouchon, assolutamente da sconsigliare per la lentezza e la scortesia del servizio. Tutt’altro che da ricordare anche la pietanza nella foto, un magret de canard con salsa al limone non particolarmente abbondante e, per di più, servito freddo. 30 euro mal spesi, che dire? Anche i gourmet sbagliano…

Per fortuna, sempre a Versailles, c’è di che rifarsi: per esempio alla Taverne Maitre Kanter, dove si può gustare il succulento Plat du Pêcheur che vedete nella foto, con mezza aragosta, mezzo granchio, gamberoni, lumache di mare, gamberetti rosa e grigi e boulottes (i nostri bocconi). Anche qui il servizio non è certo il massimo della cortesia, ma è compensato dall’elevatissima qualità delle materie prime. Tra le altre proposte, anche la degustazione di ostriche. Prezzi sui 40-50 euro.
Per il momento vi lasciamo e vi ricordiamo che alla pagina Le Coin de Stéphanie potrete trovare l’archivio completo delle foto pubblicate!

Brasile-Germania

Ci apprestiamo a partire per un breve viaggio in Germania, terra dalla fama gastronomica assai dubbia ma che in realtà, in occasione delle nostre visite, ha più volte dimostrato di meritare una valutazione più approfondita. Questa volta ad accoglierci sarà la cittadina di Schwerin, all’estremo nord-est dello stato: torneremo, speriamo, con interessanti novità. Nel frattempo abbiamo pubblicato le foto della nostra cena al ristorante Isola Bella, a Isola Sant’Antonio, dove si è festeggiato il compleanno della Responsabile del Controllo Qualità: era una churrascaria brasiliana, ora è un locale italiano, ma la specialità è rimasta la carne allo spiedo.

Il silenzio dei prosciutti

Come ormai tutti gli amici delle Locuste sanno, anche lo scorso anno si è chiuso nel modo più gustoso possibile: all’insegna del prosciutto! Il grande appuntamento con Ora ProSciutto, che dal lontano 2000 allieta le nostre festività, anche quest’anno ci ha riservato divertimento, emozioni e soprattutto ingenti quantità di cibo e vino. La nuova sede di Gallarate, rivelatasi ideale sotto tutti i punti di vista, ci ha permesso di ospitare una quarantina di famelici invitati che non hanno mancato di apprezzare l’esito della serata. Ora potete godervi la documentazione fotografica della festa nella nostra Galleria… un reportage più ampio è disponibile nel nostro gruppo di Facebook. Buona visione!