Libertà è partecipazione

Non si sono risparmiati neppure quest’anno gli organizzatori di Identità Golose, il congresso internazionale di cucina ideato da Paolo Marchi: è decisamente impegnativo il tema della dodicesima edizione, che andrà in scena da domenica 6 a martedì 8 marzo al Mi-Co di Milano. “La forza della libertà“: parole importanti che rivendicano da una parte il diritto alla creatività e all’innovazione degli chef, veri protagonisti dell’evento, e dall’altra la necessità di continuare a incontrarsi e condividere diversi punti di vista anche in un momento storico che mette a dura prova gli scambi culturali tra popoli e nazioni. Non a caso Identità Golose è stato tra gli organizzatori di “Pace a Tavola“, rassegna che ha coinvolto sei ristoranti di cucina kosher e araba in nome del dialogo interreligioso. Più “leggero”, ma non meno invitante il piatto simbolo del congresso: la coloratissima trippa decorata “To bee or not to bee” creata da Cristina Bowerman della Glass Hostaria di Roma.

Impossibile, come ogni anno, ricapitolare i grandi nomi che presenzieranno nel corso delle tre giornate: da Carlo Cracco allo spagnolo Ricard Camarena, passando per Massimo BotturaDavide ScabinJosean AlijaDavide Oldani e molti altri. Attesissime anche le rassegne “parallele” che approfondiranno tematiche specifiche: Identità di Gelato, di Formaggio, di Champagne, di Caffè, di Pane e Panettone, di Pizza, di Pasta e di Mare. Ancora una volta, inoltre, Identità Golose ospiterà il Premio Birra Moretti Grand Cru e il concorso S.Pellegrino Young Chef. Le note dolenti riguardano anche questa volta il biglietto d’ingresso, che costa caro: da 50 euro per la mezza giornata a 490 per il pacchetto completo.

2 Locandina

Annunci

In Palio c’è il rosato

Già da qualche settimana Siena si sta preparando per l’evento che ogni anno attira nella città toscana migliaia di turisti: parliamo ovviamente del Palio, nella sua prima edizione stagionale (la seconda, come tutti sanno, si svolge il 16 agosto). Ma quest’anno al fianco della celebre manifestazione ci sarà un secondo appuntamento da non perdere: da sabato 30 giugno a martedì 3 luglio Siena ospita anche Bianco, Rosso e Rosè, il primo Festival del vino rosato d’Italia. Quattro giorni di degustazioni, approfondimenti, abbinamenti e mostre-mercato, tutti dedicati alle eccellenze del rosato italiano. L’evento è stato presentato ieri a Bari… e non è un errore di stampa: a organizzare la manifestazione è proprio la Regione Puglia, in collaborazione con l’Accademia Nazionale della Vite e del Vino, tanto che i vini partecipanti sono stati selezionati ad aprile in occasione del Concorso Nazionale dei Vini Rosati svoltosi nel capoluogo pugliese. Prevista anche una seconda trasferta: dal 29 agosto all’8 settembre a Venezia, in contemporanea con il Festival del Cinema. Per informazioni contattare lo 0577-228843 o scrivere a enoteca@enoteca-italiana.it.

 

La bionda muove e vince

Italia Beer Festival 2010: tanta birra, tante birre. Molte delle quali superflue: aromi improbabili e sperimentazioni fini a stesse non fanno bene al (sempre più interessante) mondo del brewing italiano. Molto meglio una “classica” di carattere come l’ottima Terzo Miglio del Birrificio Rurale di Certosa di Pavia. Tutte le altre impressioni dalla kermesse milanese potete leggerle nel reportage che abbiamo pubblicato nella sezione Articoli del sito. Nella sezione Bella!, invece, troverete gli indirizzi e i contatti dei migliori birrifici d’Italia. Ma già che si parla di birra, perché non rilanciare con una bella trasferta in gondola? Stiamo parlando del Venezia Beer Festival, che si tiene nella città lagunare da giovedì 11 a domenica 14 marzo presso il Voodoo Child Pub. Più di 70 birrifici presenti per oltre 200 birre in degustazione ogni giorno dalle 17 alle 2, e l’ingresso è libero: prosit!

Lugano, oddio!

Chi l’avrebbe mai detto che la Svizzera un giorno sarebbe diventata la culla del buon vino? Forse nessuno, ma d’altra parte in pochi avrebbero scommesso sulla vittoria di una barca elvetica nella Coppa America… E così, dato che ormai da anni nella Confederazione (soprattutto in Canton Ticino) la produzione vinicola è giunta a livelli di eccellenza, c’è poco da stupirsi nel leggere il programma del Lugano Wine Festival, che prende il via oggi nel quadro della fiera Ristora. Tanti i motivi di interesse, dalle degustazioni del ciclo GastroTicino all’impresa del pizzaiolo Emanuel Paganelli, che tenterà di battere il record di 400 pizze sfornate in 5 ore. Tante, soprattutto, le cantine partecipanti, molte delle quali dall’Italia. Il festival è aperto da oggi fino a lunedì 1 febbraio dalle 10 alle 19; il biglietto d’ingresso costa 10 franchi svizzeri o 7 euro.