Occhio per occhio

28 ottobre 2016

Come trasformare una semplice sagra di paese in un evento gastronomico rinomato a livello nazionale? Per informazioni, rivolgersi al Gruppo Volontari Mura di Pizzighettone (Cremona): i loro Fasulin de l’öc cun le cudeghe, ossia i fagiolini dall’occhio con la cotenna, da piatto tipico sono ormai diventati un’istituzione, grazie alla festa che li celebra ogni anno nello scenografico scenario delle antiche mura della città. L’evento, storicamente organizzato dal locale Lions Club, è arrivato alla ventiquattresima edizione e copre ormai due intere settimane: da venerdì 29 ottobremartedì 1° novembre e ancora sabato 5 e domenica 6 novembre la “maratona gastronomica” andrà in scena tutti i giorni, dalle 11 alle 23 (lunedì 31 solo cena a partire dalle 19). In più, sarà possibile cenare tra le mura anche venerdì 28 ottobre e venerdì 4 novembre, su prenotazione, dalle 19 alle 23. Il sito ufficiale della manifestazione fornisce tutte le informazioni necessarie: per il momento vi basti sapere che ci sarà da sgomitare, visto che l’anno scorso i “fasulin” hanno attirato a Pizzighettone oltre 25mila turisti!

volantinofasulin2016

Annunci

Tutti giù a Volterra

25 ottobre 2016

Amici del tartufo, bentornati a Volterra: la diciannovesima edizione di Volterragusto, la mostra mercato del tartufo bianco e dei prodotti tipici dell’Alta Valdicecina, è scattata nello scorso fine settimana, ma vivrà il suo clou nel corso del lungo “ponte” da sabato 29 ottobre a martedì 1° novembre. Tutti i giorni, dalle 10 alle 20, le logge del Palazzo Pretorio, nel centro storico della cittadina in provincia di Pisa, ospiteranno degustazioni e vendita di tartufo bianco e altri prodotti del territorio. Ma non è tutto qui: sarà possibile assaggiare cioccolato, dolci e prelibatezze varie anche nella saletta di via Turazza e nelle cantine di Palazzo Viti, e partecipare alle degustazioni di vino organizzate dall’associazione Vignaioi Volterrani. Domenica 30 ottobre dalle 21.30 a mezzanotte Palazzo dei Priori ospiterà anche la Notte del Bianco, degustazione a ingresso gratuito. Infine, per i più curiosi, sono in programma anche visite guidate in tartufaia ed escursioni in bicicletta tra le vigne: per informazioni contattare il numero 0588-86099.

volterra

 

Di tutto un Bò

21 ottobre 2016

Amore a prima fetta“: ecco l’accattivante claim della nuova edizione di MortadellaBò, la rassegna che da ieri (giovedì 20 ottobre) fino a domenica 23 ottobre sta portando in Piazza Maggiore a Bologna i migliori esemplari del salume felsineo per eccellenza. Per anni ingiustamente etichettata come “grassa” e insalubre, la Mortadella Bologna IGP sta vivendo finalmente la meritata rivalutazione dal punto di vista nutrizionale, anche se tutto sommato a noi poco interessa: quello che conta è il gusto, e nei prossimi tre giorni non mancheranno le occasioni per metterlo alla prova. Per tutta la durata dell’evento (venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 23) sono aperti il ristorante con 8 grandi chef da tutta Italia, il wine bar, lo street food con 8 furgoncini di specialità “da passeggio”, e l’emporio in rosa con un percorso del gusto tra tutte le aziende produttrici di mortadella e la possibilità di acquisti diretti. Nel programma ci sono anche più di 30 laboratori gratuiti e una speciale area dedicata all’abbinamento tra rosetta e mortadella; in più, una serie di ristoranti della città propongono menu a tema. Per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale dell’evento.

mortadella-bo

Crescendo rossiniano

18 ottobre 2016

Tornare in un ristorante dopo ben 8 anni dalla prima visita può significare, nella peggiore delle ipotesi, non trovarlo più, o anche essere testimoni di una radicale rivoluzione. Non è questo però il caso dell’Osteria Rossini di Legnano, che anche a distanza di (parecchio) tempo dalla recensione originale ha mantenuto gli standard elevati a cui ci aveva abituato: anzi, va detto che il locale fa registrare un gradito crescendo, come si addice al compositore di cui porta il nome. Negli anni, infatti, la qualità dei piatti è rimasta molto elevata, ma le porzioni sono diventate più corpose e soprattutto i prezzi – per l’epoca decisamente alti – sono rimasti meritevolmente invariati. Oggi una cena completa costa sempre sui 50 euro, ma sorprende per gusto e creatività, con portate interessanti come il girasole di magro al ragù di cervo o grandi classici come il fritto misto. Per saperne di più, non vi resta che affidarvi alla recensione completa!

20161013_204422

Viaggio al centro del vino

14 ottobre 2016

Weekend di piogge torrenziali su gran parte dell’Italia, ma poco importa: gli eventi per gli amanti del buon mangiare e del buon bere non mancano certamente, neppure al coperto. Un valido esempio è Into the Wine, interessante degustazione organizzata a Milano da Civiltà del Bere per il ciclo delle #5giornatedelbere: la giornata in questo caso è una sola, quella di sabato 15 ottobre, ma non meno ricca di opportunità per gli appassionati di vino. A disposizione dalle 15 alle 20, per il modico prezzo di 15 euro (con riduzioni per sommelier e operatori di settore), ci saranno infatti i prodotti di 43 cantine da tutte le regioni d’Italia, ciascuna delle quali porterà in dote 3 delle sue migliori etichette. Nella stessa occasione sarà presentata la prima edizione della guida eno-turistica “Into the Wine. Nelle terre di Bacco“, dedicata non solo al vino ma anche a oli, distillati, salumi, formaggi e altri prodotti tradizionali. E la location? Anche quella d’eccezione: l’intero evento si svolgerà infatti al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, una splendida occasione per unire l’utile al dilettevole (scegliete voi dove posizionare il bicchiere!).

into-the-wine-image-750x375

Santi, poeti e ristoratori

12 ottobre 2016

Qualcuno, in tempi non sospetti (o molto sospetti, ma questo è un altro discorso), diceva che “i ristoranti sono sempre pieni“, per controbattere l’evidenza della crisi. Di tempo ne è passato, la crisi non è finita, ma neppure il periodo d’oro della ristorazione è mai terminato: secondo una recente ricerca di Metro Cash & Carry, i 294mila “punti di consumo” aperti sul territorio fanno dell’Italia il paese con più locali in tutta Europa, e la spesa pro capite è superiore addirittura del 22% rispetto alla media continentale. Un dato eclatante dal punto di vista culturale, prima ancora che da quello economico: chi l’avrebbe mai detto che “mangiare fuori” sarebbe diventata un’esperienza così comune nella patria della cucina casalinga, dove rinunciare al pranzo in famiglia era fino a non troppo tempo fa un atto sacrilego? Due dati spiegano in parte questa tendenza: il primo ci dice che in Italia l’80% dei ristoranti è indipendente e a conduzione familiare, con evidenti riflessi positivi sulla qualità, rispetto a paesi come l’Inghilterra in cui trionfano catene e franchising. Il secondo, tratto da un’altra ricerca di Nielsen, sottolinea che il 44% degli italiani sceglie un ristorante tradizionale per il pranzo o (soprattutto) la cena, mentre “solo” il 34% si affida ai fast food, contro il 49% della media europea. Infine il dato meno sorprendente di tutti: la città con la più alta spesa pro capite per i pasti fuori casa è, indovinate un po’, Milano, con 4,7 miliardi totali, 1.341 euro all’anno per persona.

immagine-011

Il tempo delle mele

6 ottobre 2016

Una mela al giorno toglie il medico di torno? Nei prossimi weekend avrete modo di verificare l’efficacia del vecchio detto popolare, vista la fioritura di manifestazioni dedicate alle mele in tutte le regioni d’Italia. Domenica 9 ottobre, ad esempio, la cittadina valdostana di Antey-Saint-André ospita Mele Vallée, quindicesima edizione della locale Festa d’autunno: in programma una grande mostra mercato con frutti, alberi, prodotti derivati, un gustoso pranzo tipico a base di mele e, alle 15, la distribuzione gratuita di frittelle di mele. Sempre nel fine settimana, sabato 8 domenica 9, il centro storico di Livo e il vicino paese di Rumo (entrambi in provincia di Trento) ospitano la nuova edizione di Pomaria, la grande festa del raccolto delle valli trentine: a Livo i corner dei produttori, le aree tematiche di ristorazione, i laboratori e le degustazioni, a Rumo convegni, visite guidate e una cena gourmet con i migliori chef del territorio (nella serata di sabato). Infine ci spostiamo a Bagnaria, in pieno Oltrepò pavese, per la trentaquattresima Giornata della mela in programma domenica 16 ottobre: per tutto il giorno saranno aperti in piazza Aldo Moro gli stand dei produttori, accanto al mercato ortofrutticolo coperto. Dalle 12.30 pranzo a base di polenta con salsiccia o zola, al prezzo di 6 euro a piatto.

575e9c_55dd34d2259f4be2bfe6892bd62b8a25-mv2

 

Più bianco non si può

4 ottobre 2016

Se si parla di Franciacorta e bianchi pensate già a una serie infinita di bottiglie da stappare? Sbagliato: a Franciacorta in Bianco si parla di formaggi, e anche con parecchio successo. Quella che andrà in scena da venerdì 7 domenica 9 ottobre è infatti la ventunesima edizione della rassegna di prodotti lattiero-caseari che si svolge ogni anno a Castegnato (Brescia) e che mette in mostra oltre 200 tipologie di formaggi da tutta Italia con un particolare focus sui prodotti freschi, dagli erborinati alle mozzarelle artigianali. Il programma, che si aprirà venerdì alle 18.30 con un convegno sullo stato di salute del settore, prevede tra l’altro una serie di show cooking con i prodotti della fiera, assaggi guidati di polenta taragna, laboratori di abbinamento tra formaggi e mieli, un concorso di formaggi e una gara di stagionatura. La manifestazione sarà aperta venerdì dalle 20 alle 23, sabato dalle 10 alle 23 e domenica dalle 10 alle 20; il biglietto d’ingresso costa 3 euro.

franciacortainbianco