Torrone per i vostri denti

27 novembre 2015

Dopo aver parlato di panettone, dedichiamo il giusto spazio anche a un altro gettonatissimo dolce natalizio: parliamo del torrone, protagonista di diversi eventi nel corso del prossimo weekend. Due le città che si contendono il primato dell’invenzione della celebre squisitezza: la prima è ovviamente Cremona, dove la Festa del Torrone è già iniziata lo scorso 21 novembre e continuerà fino a domenica 29. Oltre ad assaggiare e acquistare torroni di ogni tipo, è possibile ammirare le scenografiche sculture di torrone; l’intera manifestazione è dedicata al ricordo di Ugo Tognazzi. Nel primo weekend i visitatori della kermesse sono stati ben 130mila.

Meno spettacolare ma altrettanto ricca di eventi la rassegna BenTorrone, in programma a Benevento sabato 28 e domenica 29 novembre. Gli stand gastronomici saranno aperti in corso Garibaldi e piazza IV Novembre dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21; in più sono previsti un laboratorio di lavorazione del torrone e due percorsi degustativi sugli abbinamenti tra torrone, spumante del Sannio e vini passiti.

Torrone_G1-1041

In morte di una birra

24 novembre 2015

A volte anche un funerale può essere un lieto evento: se è quello di una birra, ad esempio. Venerdì 27 novembre allo Sloan Square di Milano si celebra la “morte” della nuova IPA del birrificio Brewdog: si chiama, non a caso, Born to Die e ha la caratteristica di avere una “scadenza” di un solo mese, per garantire che sia consumata al massimo della sua freschezza. La birra, generalmente destinata al solo circuito dei Brewdog Pub, sarà eccezionalmente disponibile in degustazione nel locale milanese, ma attenzione: in dotazione c’è soltanto un fusto!
Sempre il 27 novembre, ma al Barbaresco di Legnano, si rinnova invece il consueto appuntamento con le cene birrarie: questa volta i protagonisti saranno Thomas Colombo e Marco Spampinato del birrificio Il Malt Mostoso, che proporranno le loro birre Rompi Pale, Fiamminga e IPA Condriaca in abbinamento ad altrettanti piatti tipici. Special guest della serata la Bruton 10 dell’omonimo birrificio, in accompagnamento al dessert. Il tutto ha un costo di 29 euro a persona: per info e prenotazioni contattare l’indirizzo legnano@barbarescoenopub.it.

1445956463BorntoDie_Nov

 

Buono come il panettone

19 novembre 2015

L’eterna lotta fra il panettone e il pandoro, tanto per cominciare, non è affatto eterna: la storia dei due celebri dolci natalizi è recentissima e quasi interamente legata all’industria. Dunque mettetevi l’anima in pace e preparatevi a festeggiare l’ormai imminente (!) Natale senza troppe guerre di religione (dolciaria). Peraltro, se siete tra gli irriducibili avversari del panettone, c’è un evento che potrebbe farvi cambiare idea: si tratta di ArtePanettone, che ogni anno mette a confronto gli squisiti dolci preparati da 11 pasticcerie dell’Altomilanese, con possibilità di assaggi e acquisti direttamente in loco. Quest’anno la manifestazione raddoppia: sabato 21 e domenica 22 novembre sarà al Palazzo Leone da Perego di Legnano, mentre sabato 28 e domenica 29 si sposterà a Villa Burba a Rho. E nello stesso weekend, per i meneghini più intransigenti, c’è anche Re Panettone alla Fabbrica del Vapore di Milano: ben 40 gli espositori presenti, con premi speciali per il miglior panettone e la miglior confezione.

arte_panettone

Un bacio indimenticabile

17 novembre 2015

Diecimila posti in oltre 100 locali di tutto il mondo per celebrare uno dei piatti più tipici e più temuti della cucina piemontese: il Bagna Cauda Day si celebra in realtà in tre giornate consecutive, da venerdì 20 a domenica 22 ottobre, e dà la possibilità a chiunque di provare le… forti emozioni del celebre intingolo a base di acciughe, aglio, olio e latte, da assaporare con accompagnamento di ortaggi di stagione. Il cuore della manifestazione è Asti, ma parteciperanno anche locali di altre province del Piemonte, di Liguria, Valle d’Aosta e Toscana e di paesi esteri: Giappone, USA, Costarica e persino Tonga! Gli organizzatori hanno pensato proprio a tutto: c’è il semaforo che indica la “potenza” della bagna cauda (rosso per quella classica, gialla con poco aglio e verde senza), il palloncino “soffia e sorridi” e soprattutto il kit del dopo bagna cauda con magnesia, dentifricio e cioccolatini. Il tutto per preparare il Barbera Kiss, il bacio di mezzanotte per i più coraggiosi. Particolare significativo: in tutti i locali aderenti all’iniziativa il prezzo del menu è di soli 25 euro (compresi dolce e caffè) con vino a 8 euro a bottiglia. E, naturalmente, pastiglie alla menta per tutti!

bagnacauda

Un weekend da beoni

13 novembre 2015

Vino, birra, whisky: mai il detto “Milano da bere” fu così azzeccato come nel fine settimana che sta iniziando. Il calendario del weekend è infatti ricchissimo di eventi che alzeranno il tasso alcolico dei meneghini, a cominciare dal congresso dell’Associazione Italiana Sommelier al The Mall: Enozioni a Milano è l’evocativo nome scelto per l’evento, che sabato 14 e domenica 15 novembre dalle 14 alle 19 permetterà di degustare i migliori vini italiani e internazionali (ingresso a 30 euro, con sconto per soci AIS). Se i vostri gusti si orientano in direzione del luppolo, nessun problema: agli East End Studios c’è l’Italia Beer Festival Pub Edition, un’edizione speciale del più grande festival italiano dedicato alla birra artigianale, in cui saranno pub e gestori d’Italia a presentare in degustazione le proprie birre favorite. Apertura venerdì dalle 17 alle 2, sabato e domenica dalle 12 a mezzanotte: ingresso a 8 euro (degustazioni escluse). Per virare sui superalcolici c’è invece la decima edizione del Milano Whisky Festival & Fine Rum: oltre 2000 etichette in degustazione, con la possibilità di assaggi a domicilio grazie alle pratiche bottigliette “da asporto”. Apertura sabato dalle 14 a mezzanotte e domenica dalle 14 alle 21; ingresso gratuito, kit degustazione a 5 euro e singole degustazioni a partire da 3 euro. Cin cin!

whisky

Peccato, è tutto petto

12 novembre 2015

Quali sono, gattini a parte, le due cose che “funzionano” meglio su internet? Non c’è dubbio: donne e cucina. Si può dire, dunque, che la fotografa romana Mary Stuart abbia centrato il jackpot dando vita al suo progetto Tette e cibo: ossia, in poche parole, foto di piatti appetitosi abbinati a una ripresa dall’alto del prosperoso seno dell’autrice. C’è da dire che le tette – per la verità mai passate di moda – sono ultimamente protagoniste di un revival mediatico accompagnato da simpatici hashtag come #escile, e non c’è bisogno di scomodare Freud per cogliere l’azzeccato collegamento con il tema alimentazione. Il tutto, però, non è solo un astuto stratagemma per accalappiare click: dietro a Tette e cibo c’è una finalità benefica, nello specifico la lotta al tumore del seno. L’iniziativa, che su Facebook spopola già da qualche mese e ha raccolto oltre 10.000 fan, si è concretizzata ieri a Roma, dove chef, fotografi e illustratori si sono riuniti per presentare il ricettario illustrato di Tette e cibo: il ricavato delle vendite sarà devoluto alla LILT, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. In sostanza, se vi serviva una buona scusa per parlare di tette (o di cibo) da oggi ce l’avete!

tette e cibo

Bella Zio!

10 novembre 2015

Frutti di mare freschi, pescato del giorno, oceanici piatti di fritto misto, il tutto a 10 euro per portata. Siamo sul litorale pugliese o siciliano? No, alla periferia di Milano, a pochi passi dall’ingresso autostradale di viale Certosa. Sembra incredibile, ma la friggitoria di Zio Ninì è davvero in grado di proporre quotidianamente queste e altre prelibatezze di mare senza costringere i buongustai meneghini a svuotare il portafoglio: non a caso, da qualche mese a questa parte trovare posto nel piccolo locale di via Tibullo è sempre più difficile (e prenotare potrebbe rivelarsi un’impresa). Il locale sarà anche spartano e senza pretese, ma l’arredamento è curato, la formula riuscitissima e soprattutto il rapporto qualità-prezzo invidiabile: quale altro locale in città può proporre cannolicchi e fasolari, ma anche ricci di mare e ricciola, a queste condizioni? Se lo conoscete fateci un fischio, nel frattempo godetevi la nostra recensione completa!

zionini

Occhio ai fagiolini

5 novembre 2015

Il loro nome è diventato quasi il simbolo delle sagre popolari, ruspanti quanto basta ma al tempo stesso forti di una consolidata organizzazione. Sì, perché i Fasulin de l’öc cun le cudeghe (fagiolini dall’occhio con le cotenne, come si può facilmente tradurre) sono protagonisti di una rassegna arrivata ormai alla ventitreesima edizione, amatissima dai buongustai lombardi, ma non solo. A fare la fortuna della sagra non sono soltanto i robusti piatti della tradizione contadina ma anche la scenografica location: le casematte della cinta muraria di Pizzighettone, in provincia di Cremona, dove oltre alle grandi tavolate per pranzo e cena trovano posto anche gli stand dei produttori del territorio. Chi si fosse perso il primo weekend della manifestazione non abbia timore: sabato 7 domenica 8 novembre c’è ancora tempo per fare un salto, anche perché la sagra è aperta dalle 11 alle 23 con orario continuato. Venerdì 6 novembre apertura speciale per cena dalle 19 alle 23: obbligatoria la prenotazione!

fasulin

Svizzero? Sì, è Bundi!

3 novembre 2015

A tutti i viaggiatori è ben noto il paradosso per il quale il caffè, superato anche solo di pochi metri il confine italiano, diventa misteriosamente imbevibile. Per fortuna la stessa legge non si applica al cibo, e così anche la tutt’altro che rinomata cucina svizzera può offrire interessanti diversioni: in particolare per quanto riguarda il Canton Ticino, celebre per i suoi “grotti” (la versione elvetica dei “crotti” lombardi). Tra i più antichi e apprezzati c’è il Grotto Bundi di Mendrisio, che da oltre 80 anni fa bella mostra di sé in una strada il cui nome è tutto un programma: via alle Cantine. Qui, infatti, il vino si produce e soprattutto si consuma, accompagnato da abbondante polenta servita con ogni possibile condimento, dalla cacciagione ai formaggi passando per funghi e brasato. Un elemento di giudizio importante è poi il prezzo: ebbene, il conto finale è più che abbordabile considerata la location, arrivando a circa 40 euro per un pasto completo. Per saperne di più, non vi resta che leggere la nostra recensione!

bundi