Il Giappone in pentola

29 settembre 2015

Volete imparare a preparare da soli e in casa vostra i più celebri piatti della cucina giapponese? Visti i tanti non-giapponesi che ne hanno fatto un’attività lavorativa, potrebbe non essere una brutta idea… Ebbene, da ottobre in poi la gastronomia nipponica (quella vera) sarà protagonista di una serie di incontri organizzati da Corsi Corsari in collaborazione con WellKome, ristorante aperto da qualche mese in via Bezzecca a Milano. Ai fornelli ci sarà la ristoratrice Kyoko Higuma, membro dell’Associazione Italiana Ristoratori Giapponesi: il programma si apre lunedì 12 ottobre alle 19 con uno showcooking a base di okonomiyaki, zuppa di miso, onigiri, pollo e salmone in salsa teriyaki. Dal 26 ottobre partiranno i corsi veri e propri, della durata di 3 ore tra parte teorica e pratica: la prima lezione sarà sul sashimi, seguiranno poi altri appuntamenti a tema sushi (23 novembre), tempura (25 gennaio), brodi giapponesi (22 febbraio), okonomiyaki e teriyaki (21 marzo). I corsi inizieranno alle 19.30 e avranno un costo di 90 euro a lezione, mentre per lo showcooking il prezzo è di 25 euro. Per altre informazioni e prenotazioni consultare il sito ufficiale.

cucina-giapponese

C’è birra e Byra

25 settembre 2015

Non tutte le birrerie riescono con la schiuma. Così si potrebbe adattare il vecchio adagio a un periodo in cui i locali a tema birrario spuntano come funghi, anche nel Varesotto e nell’Altomilanese, ma non sempre con risultati soddisfacenti. Le note positive vengono sicuramente dal Byra di Busto Arsizio, aperto fin da aprile ma inaugurato soltanto ieri nella sua sede di via Mazzini: un locale di concezione innovativa che si autodefinisce, a buona ragione, uno showroom di “cultura birraria”. Sul gigantesco bancone non c’è infatti spazio per altro che non sia la birra (24 spine suddivise per tipologia e metodo di spillatura) e anche la modalità d’acquisto è tutta particolare: si paga attraverso una tessera-punti che permette tre degustazioni al costo di 10 euro. In più, il locale diventerà sede privilegiata di corsi di formazione (a cui parteciperanno gli stessi dipendenti) e beershop sempre aperto per acquisti a tema: formula decisamente originale, che merita attenzione.

Parziale delusione è invece il Birrificio di Legnano, faraonico locale aperto all’interno di un vecchio complesso industriale rimodernato: la scenografia di interni ed esterni è davvero notevole, ma la sostanza non convince. Le birre artigianali in lista sono infatti poche e assai simili tra loro – troppo luppolate per il nostro gusto – e anche la cucina non offre nulla più dello standard. Intendiamoci, nulla di tragico, ma qualcosa di più era lecito attenderselo in un momento di grande attenzione per il fenomeno birra e con tanta concorrenza anche in loco.

byra

Bando alle ciance!

24 settembre 2015

Torino è una città dall’antichissima vocazione enogastronomica che, a suo grande merito, ha saputo conservare eccellenze e tradizioni del passato senza “tradirle”, malgrado il progressivo ammodernamento della città. Ha un innegabile fascino l’idea di passeggiare per il centro cittadino e, di punto in bianco, ritrovarsi immersi nell’atmosfera di una piola (la tipica osteria piemontese) esattamente com’era un secolo addietro. Poi, certo, Da Cianci bisogna trovare posto, e qui i problemi aumentano: il grazioso locale di largo 4 Marzo è sempre affollatissimo e, soprattutto, non accetta prenotazioni! Una volta seduti, comunque, le soddisfazioni non mancano, non soltanto per l’atmosfera (sedie e tavoli in legno, tovaglie di carta, vino sfuso…) ma anche per la cucina semplice e genuina: acciughe al verde, vitello tonnatotajarin al ragù e l’immancabile bunet attirano ogni tipo di pubblico, dai lavoratori in pausa pranzo a turisti e studenti. Per saperne di più, leggete la nostra recensione completa!

cianci

Birra a misura Duomo

22 settembre 2015

“Ein prosit” alla milanese: si è aperta ieri la seconda edizione della Milano Beer Week, una rassegna itinerante che in realtà ha ben poco dell’Oktoberfest e molto della vetrina promozionale su una bevanda che sta sempre più conquistando gli italiani (meneghini in primis). Ben 100 gli eventi in calendario nel corso dell’intera settimana: i locali coinvolti sono 30, di cui 18 riconfermati dalla scorsa edizione e 22 new entry. Il festival, patrocinato da Assobirra e Unionbirrai, è stato ideato dal giornalista Maurizio Maestrelli, che spiega così il senso dell’iniziativa: “Vogliamo coinvolgere quanta più gente possibile in un mondo, come quello delle birre, che inizia dalla terra, dall’agricoltura, e termina nel boccale sul bancone del pub. Coinvolgerli per dar loro la possibilità di scoprire un caleidoscopio di tradizioni differenti, di colori, aromi e gusti diversi”. Tra i tanti appuntamenti da segnalare in particolare la “Notte Bianca” di venerdì 25 settembre al Birrificio La Ribalta di via Cevedale, che ospiterà una cena a tema con degustazione di quattro diverse birre Blanche (prezzo 35 euro a persona).
La Milano Beer Week sostiene inoltre la campagna #rivogliolamiabirra per chiedere la riduzione della pressione fiscale sulla birra, arrivata al 50% con l’ultimo aumento delle accise.

MBW2015logo

Formaggio, fatti ammazzare

18 settembre 2015

Tra i tantissimi eventi enogastronomici che punteggiano il prossimo weekend ce n’è uno assolutamente da non perdere per gli appassionati di formaggi: la Sagra Nazionale del Gorgonzola, ormai storico appuntamento dedicato a uno dei prodotti caseari più peculiari d’Italia nella cittadina in provincia di Milano che porta lo stesso nome. Sabato 19 e domenica 20 settembre, dalle 10 alle 23, le vie del centro storico (assai più suggestive di quanto si è abituati a vedere nella periferia milanese!) ospiteranno punti di ristoro, stand di degustazione e mercatini incentrati naturalmente sul celebre formaggio. Le specialità locali si potranno acquistare attraverso il Gorgopass, una tessera che per 10 euro consente di degustare due piatti a scelta (tra questi il risotto rosa, le lasagne al gorgonzola e funghi e naturalmente la polenta e zola) e di acquistare il gorgonzola a prezzo scontato. In più, l’Osteria Pro Loco offrirà un menu completo alla carta e i commercianti del centro presenteranno le proprie creazioni a base di gorgonzola, dagli aperitivi al gelato. Nel programma anche concerti, mostre e attività di animazione per bambini.

gorgonzola

Genio compreso

15 settembre 2015

Che cos’è davvero la “tradizione” quando si parla di gastronomia, e in particolare di gastronomia italiana? La dicotomia tra rispetto – quasi religioso – delle proprie origini e innovazione, talvolta trasgressiva, è da sempre un tema caldo del dibattito sull’alimentazione. Una parola importante (più di una in verità) la dice Alessandro Marzo Magno con il suo libro “Il genio del gusto“, che il nostro Navigatore Capo ha avuto l’onore di presentare a Varese nel corso della festa Anche Io. Un appassionante trattato di storia culinaria che ci svela, in modo divertito e divertente, quello che se fossimo meno smemorati dovremmo già sapere: la “tradizione” in cucina è un’illusione, e in realtà la maggior parte dei piatti che oggi consideriamo sacri e immutabili sono di recentissima invenzione. E il vero “genio” del made in Italy non sta tanto nella creazione ex novo, quanto nel saper miscelare e reinventare piatti e idee già esistenti: la pasta e la pizza, due simboli del nostro paese, ne sono il massimo emblema. Non siete ancora convinti? Non vi resta che leggere il libro e prima ancora la nostra recensione, che trovate nella sezione Libri del sito!

geniodelgusto

Telefonare ore Asti

10 settembre 2015

Parlando di eventi in programma nel prossimo fine settimana, non poteva certamente sfuggirci il menu della manifestazione più ricca e frequentata in assoluto: venerdì 11 settembre alle 17 si inaugura ad Asti la quarantanovesima edizione della Douja d’Or, ossia la degustazione e vendita dei vini premiati nell’omonimo concorso enologico nazionale. Il banco di assaggio sarà aperto fino a domenica 20 settembre tutti i giorni dalle 17 a mezzanotte, e il sabato e la domenica dalle 11 a mezzanotte, naturalmente accompagnato da una serie di stand collaterali: “Asti fa Goal” ai Portici dell’Enofila con le eccellenze agroalimentari del territorio, la rassegna dei vermouth e dei vini aromatizzati, piatti e dolci tipici presentati da Confagricoltura e dai ristoranti della zona. Tutto qui? Certo che no: la kermesse astigiana è famosa anche per il Festival delle Sagre Astigiane, che dal 1974 anima l’ultima giornata con la sfilata delle Pro Loco di 44 paesi della provincia di Asti e il relativo Palio a cavallo. Naturalmente ognuno degli enti locali porta con sé i rispettivi prodotti tipici, esposti nell’apposito Villaggio: antipasti, primi, secondi, dolci per un menu davvero unico!

douja

Ci sono casi in cui gli organizzatori di eventi enogastronomici ci fanno davvero disperare, per la loro capacità di sovrapporre negli stessi giorni, se non addirittura nelle stesse ore, una serie di appuntamenti interessanti. È proprio il caso del prossimo weekend, nel quale i buongustai della Lombardia dovranno davvero superarsi per riuscire a “incastrare” tutte le degnissime occasioni di abbuffarsi previste dal calendario. Sicuramente imperdibile è la nuova edizione di Coarezza per Strada, la celeberrima sagra organizzata dalla Pro Loco di Coarezza, frazione di Somma Lombardo affacciata sul Ticino: da venerdì 11 a domenica 13 settembre, come ogni anno, saranno grandi protagonisti i maestri dell’Accademia della Costina, pronti a cuocere quintali di carne sulla griglia più grande d’Europa. Dell’evento vi abbiamo già parlato in lungo e in largo in passato: nessun dubbio sull’eccezionale qualità delle costine, imperativo arrivare al più presto possibile per poterle gustare (noi stessi lo scorso anno siamo rimasti vittime dell’anticipato esaurimento delle scorte!). Armatevi di pazienza e appetito e non lesinate sugli acquisti: riscaldate il giorno dopo, le costine sono ancora appetitose!

coarezza

Mogli e buoi dei paesi tuoi

3 settembre 2015

Quando si parla di bue grasso a qualcuno vengono in mente i Puffi, ad altri – speriamo sempre di più! – la celeberrima fiera che si svolge ogni anno a Carrù, in provincia di Cuneo. Ma per fortuna da un paio d’anni anche a Legnano, per noi assai più accessibile, ha attecchito la passione per lo squisito manzo di razza piemontese, e in particolare per le sue parti più pregiate: quarti anteriori e costato. Queste saranno le prelibatezze servite domenica 6 settembre al Parco Castello, per la seconda edizione della Sagra del Bue Grasso: a organizzarla sarà ancora una volta la contrada San Domenico, una delle storiche congregazioni che ogni anno si sfidano nel famoso palio. La cottura del bue alla griglia inizierà alle 9.30, ma per gli aspiranti mangiatori l’appuntamento è a partire dalle 12: il meteo dovrebbe essere benevolo, quindi non mancate!

buegrasso2015