Varzi ed eventuali

Via di Dentro” potrebbe sembrare un toponimo tratto dal Monopoli, ma basta recarsi nel centro storico di Varzi, grazioso borgo medioevale agli estremi confini della provincia di Pavia, per capirne l’origine. Proprio in questa stretta stradina si può incontrare il Caffè del Centro, anche questo di nome e di fatto: un locale antico, forse addirittura il più antico del paese, da sempre luogo di ritrovo privilegiato della popolazione. Oggi la vecchia locanda si è trasformata in un vero e proprio ristorante il cui menu mescola abilmente i piatti tradizionali (tra cui spicca ovviamente l’immancabile salame di Varzi) e qualche sperimentazione non troppo invasiva. Per saperne di più leggete la nostra recensione completa!

varzi

Annunci

Se Parigi avesse il Duomo

Un posto qualunque in un qualunque posto del mondo” si definisce il ristorante bistrot Anadima di Milano, mentendo due volte. Sia perché non è una location qualunque il Naviglio Pavese, nel cuore di una movida rivitalizzata dai recenti interventi urbanistici; sia perché non ha nulla di banale una cucina che riesce ad accostare, in modo creativo e convincente, la gastronomia italiana a quella francese. L’arredamento sapientemente vintage e il curatissimo design del locale non devono ingannare: qui alla forma (piacevole) si accompagna anche la sostanza, sotto forma di un menu mai banale che va dalle appetitose galettes a primi e secondi di ispirazione mediterranea. Un’alchimia in grado di accontentare un po’ tutti, dagli esteti ai palati buoni, e a prezzi tutto sommato abbordabili per il contesto. Per saperne di più leggete la nostra recensione completa!

logoanadima

Trapani Advisor

Adesso che la moda è scoppiata definitivamente e che ogni piccola sagra di paese è diventata “street food“, bisogna dare a Trapani quel che è di Trapani: nella città siciliana la rassegna del cibo di strada era già nata molto tempo prima, e quest’anno arriva alla sua settima edizione. Stiamo parlando di Stragusto, un appuntamento ormai consueto nel panorama enogastronomico estivo, che quest’anno si svolge da giovedì 23 a domenica 26 luglio nella tradizionale sede dell’Antico Mercato del Pesce di Trapani. Rispetto ad altri eventi analoghi, Stragusto ha da sempre un sapore inequivocabilmente mediterraneo: tra le sfiziosità da assaggiare trionfano panellearancinisfincionipanini cà meusa, rascadura, focacce e dolci siciliani. Ma non solo: a dare un sapore internazionale al festival ci sono i piatti della Palestina e del Senegal, oltre all’immancabile Cùscusu nelle sue mille varianti provenienti dalle due sponde del Mediterraneo. Da non perdere!

stragusto

Sicilia con gusto

Caldo opprimente per caldo opprimente, tanto vale passare questo luglio in Sicilia, come ben sa il nostro Coordinatore delle Risorse Umane che ben presto (non) ci farà avere le sue puntuali recensioni dall’isola. E come ben sanno anche gli organizzatori di Terramare, l’evento che da oggi (venerdì 17) fino a mercoledì 22 luglio porterà al Castello di Milazzo, in provincia di Messina, tutti gli aromi e i sapori di una terra fantastica anche dal punto di vista gastronomico. Oggi alle 18 l’inaugurazione, seguita da apericena, show cooking e da un imperdibile master sul cannolo siciliano. Da domani, stand aperti dalle 10 a mezzanotte per un vero e proprio trionfo dei prodotti tipici della Trinacria: agrumi, pistacchio, arancini, cioccolato di Modica, formaggi e vini sono solo alcuni dei protagonisti della rassegna che darà spazio anche ai Presìdi Slow Food siculi, come Pomodoro Siccagno e Lenticchia di Villalba. Appuntamento decisamente da non perdere: tutte le informazioni sul sito ufficiale.

terramare

Al contadino non far sapere

Tra le migliaia di fiere e sagre che punteggiano invariabilmente questa stagione, ce n’è una di cui davvero non avevamo mai sentito parlare, e sì che quest’anno festeggia la trentanovesima edizione. La Fiera delle Pere si svolge ogni anno a Renazzo, una frazione di Cento in provincia di Ferrara, e la scadenza ha un motivo ben preciso: proprio a metà luglio, infatti, si raccolgono le tipiche pere selvatiche dette “muscatela”. Oggi questi frutti sono purtroppo in via d’estinzione, ma la festa è ancora ben viva: si comincia già questa sera (martedì 14 luglio) con “Aspettando le pere”, per arrivare fino a lunedì 20. In programma concerti e spettacoli musicali, tornei sportivi, ma soprattutto ghiottissimi assaggi: dal 15 al 20 luglio è aperto lo stand gastronomico con piatti come risotto alle peretortelloni verdi alle perelingua di manzo con mostarda alle pere e naturalmente l’immancabile crostata di pere e cioccolato. In più, dal 17 al 20 luglio, “biergarten” nel parco con panini e fiumi di birra. Non ditelo al contadino!

pere

Artigiano, portami via

Restiamo in tema birrario giusto per constatare che non c’è nulla da fare: l’inarrestabile moda delle birre artigianali arriva davvero ovunque. Anche a Morimondo, lo splendido borgo in provincia di Milano impreziosito dalla storica Abbazia cistercense del XII secolo, che da venerdì 10 domenica 12 luglio ospita la manifestazione Birre in Borgo: proprio nella piazza antistante l’abbazia si riuniscono gli stand di 12 birrifici (lombardi ma non solo) e due agriturismi, più un banchetto dedicato all’onnipresente street food. Il programma della festa prevede anche degustazioni guidate e convegni a tema, oltre a spettacoli musicali e di artisti di strada. L’ingresso è libero per tutti: apertura venerdì dalle 18 all’una, sabato dalle 12 alle due e domenica dalle 12 a mezzanotte.

morimondo

Birra di casa mia

Segnatevi questa data: domenica 30 agosto. Vi sembrerà ancora lontana, ma per tutti gli aspiranti homebrewers della provincia di Varese (e dintorni) è una scadenza decisiva: la quarta edizione del concorso Malto Gradimento, organizzato da VareseNews per la prima volta nel 2012 e da allora inserito annualmente nel programma della grande festa “Anche Io” alla Schiranna di Varese. Attraverso il voto di esperti giurati, il concorso premia le migliori birre fatte in casa per tipologia: lo stile è libero, l’unico vincolo è che per la produzione vengano utilizzati solo impianti casalinghi e non di tipo professionale. Le iscrizioni sono aperte fino al 26 agosto, al prezzo di 5 euro per la prima birra e 3 euro per le eventuali birre successive. Sul blog Malto Gradimento, nato proprio come “filiazione” del concorso, è disponibile il regolamento completo. Vinca il migliore!

maltogradimento2015