Un tranquillo lunedì di Bottura

10 febbraio 2015

È ancora in pieno svolgimento l’undicesima edizione di Identità Golose a Milano: oggi nei saloni del MiCo sarà proclamato, tra l’altro, il vincitore del concorso San Pellegrino Young Chef che avrà l’onore di rappresentare l’Italia a EXPO 2015. A rubare la scena a tutti nella giornata di ieri è stato però, ancora una volta, il mostro sacro Massimo Bottura, che dell’EXPO sarà ovviamente la star: lo chef modenese ha fatto letteralmente straripare la sala dell’Auditorium, aprendo il suo intervento con un commosso omaggio a Stefano Bonilli (il fondatore del Gambero Rosso scomparso lo stesso anno) e proseguendo con una personalissima interpretazione della cucina di “recupero”. Pane secco, scorze di patata e sedano e persino bucce di banana utilizzate per un piatto ispirato al disco d’esordio dei Velvet Underground (quello con la famosa copertina di Andy Warhol): raffinatezze da artista, d’accordo, ma utilizzate per far passare un messaggio fortissimo. “Recuperare non è degradante – ha spiegato Bottura – ma è analogo a riconquistare, un atto di volontà e di forza. Scartare e buttare via il cibo invece equivale ad arrendersi, gettare la spugna. Dobbiamo valorizzare ciò che abbiamo fino al suo completo esaurimento, in ogni fase del suo ciclo. Se perdiamo la cultura del cibo, perdiamo la nostra identità prima e la dignità poi”. Una filosofia che, come vedremo, si presta a essere sposata da tutti i cuochi presenti a Milano. D’altronde, se lo dice il Re…

bottura

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...