Un totale di 45 pizze

2 settembre 2013

Napoli e la pizza: un legame secolare che solo un folle potrebbe rimettere in discussione. Ma se negli Stati Uniti c’è chi pensa che la pizza sia una specialità americana, e se non troppo tempo fa una delle più celebri guide alla ristorazione italiana ha escluso i maestri napoletani dal top dei pizzaioli, forse c’è un problema di “corporate image” da affrontare. Il capoluogo campano, insieme all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani (rigorosamente con la “u”),  non resta con le mani in mano sul fronte promozionale e da martedì 3 a domenica 8 settembre propone la seconda edizione del Napoli Pizza Village, una celebrazione in grande stile del più celebre prodotto da forno partenopeo. Per descriverlo basti dire che per tutta la settimana il Lungomare Caracciolo sarà animato dagli stand di ben 45 pizzerie, tra le quali tutti i nomi più noti della città: Gino Sorbillo e Tutino, Trianon e Il Presidente, ma anche tre ospiti stranieri di rilievo come Don Antonio (USA), Fumo (Turchia) e Adolfo San (Giappone), per una superficie totale di oltre 30.000 mq. L’ingresso è gratuito tutte le sere, dalle 18 a mezzanotte. Ma non è finita: nel quadro del Napoli Pizza Village, martedì 3 e mercoledì 4 settembre si svolgerà anche la dodicesima edizione del Campionato Mondiale del Pizzaiuolo, che assegnerà una serie di ambiti riconoscimenti in varie specialità, dalla pizza classica a quella in teglia passando per la pizza al metro.

Napoli-Pizza-Village

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...