Chiudete le imposte

25 settembre 2012

Tasse e ristoranti, un mix esplosivo. Da sempre la categoria è additata (talvolta giustamente) come una delle più accanite nell’evasione fiscale, ma il rovescio della medaglia è che si tratta anche di una delle più tartassate. Esemplare il caso presentato domenica da La Stampa (e ripreso tra gli altri da Dissapore): quello di Daniele Strizzolo, un imprenditore friulano proprietario di tre Mc Donald’s in franchising. Per lui il “nero” ovviamente non esiste, e le cifre che è costretto a versare allo Stato sono impressionanti: su 156.172 euro di utili del 2011, 111.154 se ne andranno in tasse. Una percentuale assurda ma non certo frutto di un caso, se è vero che lo studio Doing Business, commissionato dalla Banca Mondiale, ci assegna un “Total Tax Rate” del 68,5%, il più alto dei paesi sviluppati. La stima tiene conto, oltre che delle tasse vere e proprie, anche delle imposte su proprietà, rifiuti, lavoro, auto… insomma, un indicatore che fa schizzare la pressione fiscale ben oltre il 45% ufficiale. L’unica consolazione è che negli anni le cose sono un po’ migliorate: nel 2005 l’Italia si attestava addirittura al 77,5%!

Qui il pdf completo dell’articolo.

(foto dal sito http://www.movimentolibertario.com)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...