L’agricoltura trema

21 maggio 2012

Il bilancio del terremoto che ha colpito nei giorni scorsi l’Emilia Romagna e altre regioni del Nord si aggrava anche dal punto di vista agricolo: sono migliaia le forme di Parmigiano-Reggiano danneggiate dai crolli. Può sembrare un problema minore ma non lo è, visto che questo prodotto rappresenta una delle principali forme di sostentamento per gli abitanti della zona. Sulle cifre c’è molta discordia: chi parla di 200mila formaggi andati perduti, chi – come il Resto del Carlino – sale a 500mila, ma si potrebbe andare addirittura oltre. Nei soli due stabilimenti Albalat e Cappelletta del Duca, in provincia di Modena, si sono perse infatti 130mila forme per un valore pari a 4 milioni di euro. Oltre al pregiato formaggio, il terremoto ha travolto anche decine di mezzi agricoli e prodotti già pronti per il raccolto; molti animali sono rimasti intrappolati sotto le macerie degli allevamenti crollati.

Annunci

One Response to “L’agricoltura trema”


  1. […] Vi avevamo parlato dei danni causati dal terremoto al patrimonio agricolo, con oltre 80 milioni di euro persi solo per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...