C’è Posta per te

31 maggio 2012

Per lasciarci almeno in parte alle spalle una settimana difficile, proviamo a risollevarvi il morale con una delle nostre recensioni, una davvero tosta. La città è Torino, ma una Torino periferica e collinare, lontana anni luce sia dalle industrie, sia dai palazzi ottocenteschi del centro. Insomma, la cornice ideale per una di quelle trattorie all’antica in cui è impossibile alzarsi da tavola senza prima aver trangugiato almeno due bicchierini di grappa per digerire. Le porzioni sono debordanti, la cortesia all’ordine del giorno; manca magari la punta d’eccellenza che faccia saltare il banco, ma il livello medio dei piatti è decisamente buono. Manca qualcosa? Ah sì, il nome: parliamo della Trattoria della Posta e tutti i dettagli potrete leggerli nella nostra recensione.

 

Annunci

Ma che bel castello

29 maggio 2012

Vi avevamo promesso sorprese per il weekend, ed eccole servite: come previsto non abbiamo partecipato a nessuno dei grandi appuntamenti enogastronomici in corso nel fine settimana (Slow Food Day e Cantine Aperte i principali), ma in compenso ci siamo concessi una sortita in quel di Pavia per la prima dedizione di BeerFood, una manifestazione tutta dedicata alla birra artigianale e alla gastronomia nella cornice del Castello Visconteo. Tanto pubblico e tanto cibo, un po’ meno birra, per dire la verità: per fortuna gli espositori presenti – alcuni già noti, altri meno – avevano molte carte da giocare, confermando l’ottimo stato di salute di un settore che è una miniera d’oro (almeno fino a quando il mercato non sarà saturo). Volete leggere il reportage completo? Lo trovate qui e ovviamente nella sezione Articoli del nostro sito!

Una grande mela

28 maggio 2012

Una mela come simbolo per cinque giorni di passione gastronomica: Slow Food ha scelto un’ardita simbologia “filosofica” per lanciare l’attesissima edizione 2012 del Salone del Gusto, in programma dal 25 al 29 ottobre al Lingotto di Torino. La mela in questione è quella che secondo la leggenda cadde sulla testa di Isaac Newton, e a spiegare questa scelta è stato Roberto Burdese, presidente dell’associazione, nel corso della presentazione svoltasi oggi a Torino: “Si tratta di un alimento simbolo del cambiamento, e anche di un invito a usare la testa nelle scelte alimentari”. Il cambiamento è dunque la parola chiave di questo eccezionale appuntamento gastronomico che, come al solito, condividerà il palcoscenico con Terra Madre, meeting di centinaia di lavoratori del settore agricolo e gastronomico da 150 paesi del mondo. In un’occasione del genere, il fondatore Carlo Petrini non può che ribadire i concetti che da anni propone a platee sempre più vaste: “Questa crisi ci offre la possibilità di interpretare positivamente la riduzione dei consumi, grazie all’opportunità di riqualificare le nostre scelte in ambito alimentare, prediligendo l’economia di prossimità”. Alla presentazione anche il sindaco Piero Fassino, il presidente regionale Roberto Cota, Giuseppe Lavazza come sponsor principale e il meteorologo Luca Mercalli, che ha presentato la nuova iniziativa Slow Food per promuovere “una dieta amica del clima”. I numeri, come al solito, impressionano: 70.000 metri quadri di padiglioni, 1000 espositori, 44 conferenze, 170 eventi speciali. A ottobre non si potrà proprio mancare…

Un weekend da beoni

25 maggio 2012

Per chi ama l’enogastronomia quello che sta per iniziare sarà un weekend indimenticabile: due eventi in successione monopolizzeranno il fine settimana degli appassionati. Si comincia sabato 26 maggio con la seconda edizione dello Slow Food Day, la manifestazione ideata dall’associazione piemontese per celebrare l’alimentazione “buona, pulita e giusta”: lo scorso anno fu un successo, per il bis sono pronti 300 eventi in altrettante piazze italiane. Per l’occasione sarà distribuita gratuitamente “Fulmini e polpette“, una breve guida alle pratiche nutrizionali che non danneggiano il clima e l’ambiente. Ma non finisce qua: domenica 27 maggio è la festa degli enoturisti, che si riverseranno in massa nelle aziende vinicole di tutta Italia per la nuova edizione di Cantine Aperte. Per il ventennale dell’iniziativa, il Movimento Turismo del Vino promette di fare le cose in grande: auguriamoci che i disguidi della scorsa edizione siano limitati.
E le Locuste? Come sempre andiamo controcorrente: i grandi eventi del weekend li salteremo, ma non temete, sapremo stupirvi con succulenti aggiornamenti…

p.s. Vi avevamo parlato dei danni causati dal terremoto al patrimonio agricolo, con oltre 80 milioni di euro persi solo per il Consorzio del Parmigiano Reggiano. Oggi è possibile acquistare il parmigiano “caduto” per contribuire a salvare almeno una parte delle risorse: ecco come fare.

Gelato alla fiorentina

23 maggio 2012

Sta diventando ormai un appuntamento fisso questo Firenze Gelato Festival, al via oggi nel capoluogo toscano e in corso fino a domenica 27 maggio. E dire che all’inizio sembrava un po’ una furbata, per quella strana “contaminazione” tra il gelato artigianale e quello industriale, rappresentato da Sammontana (peraltro storica azienda del territorio). Invece la formula funziona alla grande: gelatai in piazza per tutto il giorno, da mezzogiorno a mezzanotte, show cooking, mostre, libri, corsi di gelateria e un cocktail bar per i più appassionati. Eccezionali le location, da piazza Santa Maria Novella al Giardino di Boboli, e intriganti anche gli ospiti: quest’anno uno degli appuntamenti più attesi è la presentazione dell’autobiografia di Federico Grom e Guido Martinetti, i creatori di un marchio che sta facendo epoca nella storia del gelato. E a proposito di storia, c’è un motivo per il quale la kermesse si svolge proprio a Firenze: pare che sia da ricercare proprio qui l’origine del gelato, inventato dal cuoco dilettante e pollivendolo Ruggeri o forse dall’artista Bernardo Buontalenti…

L’agricoltura trema

21 maggio 2012

Il bilancio del terremoto che ha colpito nei giorni scorsi l’Emilia Romagna e altre regioni del Nord si aggrava anche dal punto di vista agricolo: sono migliaia le forme di Parmigiano-Reggiano danneggiate dai crolli. Può sembrare un problema minore ma non lo è, visto che questo prodotto rappresenta una delle principali forme di sostentamento per gli abitanti della zona. Sulle cifre c’è molta discordia: chi parla di 200mila formaggi andati perduti, chi – come il Resto del Carlino – sale a 500mila, ma si potrebbe andare addirittura oltre. Nei soli due stabilimenti Albalat e Cappelletta del Duca, in provincia di Modena, si sono perse infatti 130mila forme per un valore pari a 4 milioni di euro. Oltre al pregiato formaggio, il terremoto ha travolto anche decine di mezzi agricoli e prodotti già pronti per il raccolto; molti animali sono rimasti intrappolati sotto le macerie degli allevamenti crollati.

Milan e poeu pù

18 maggio 2012

Milano e niente più“, di Milano ce n’è una sola, recita questo popolare detto meneghino, e in effetti solo nel capoluogo lombardo poteva nascere una manifestazione come la Milano Food Week: da sabato 19 a domenica 27 maggio 200 eventi, più di 100 ristoranti coinvolti, 9 giorni di baldoria in tutte le zone della città. “La diffusione della cultura gastronomica a 360°” è il nobile intento dichiarato dall’evento, organizzato da Food Tank e giunto quest’anno alla sua quarta edizione. In passato la manifestazione ha prestato il fianco alle critiche per la sua visione un po’ snobistica e, passateci il termine, “modaiola” del settore alimentare (l’uso del termine “food and wine” la dice già lunga), ma i meriti degli organizzatori vanno riconosciuti: non è da tutti convogliare nello stesso contesto chef stellati e mercati agricoli, grandi marchi internazionali e consorzi di produttori. Per orientarsi nello sterminato elenco di eventi in programma – molti, ma non tutti, a pagamento – si può seguire la guida interattiva sul sito ufficiale; segnaliamo tra l’altro la Public Kitchen, una cucina temporanea in cui tutti potranno cimentarsi nella preparazione dei propri cavalli di battaglia, e il Recipe Market, luogo deputato allo scambio di ricette. I possessori della tessera Milano Food Lovers possono godere di sconti e agevolazioni speciali.

Impara l’arte

16 maggio 2012

Premessa doverosa: chi non conosce Castiglione Olona, in provincia di Varese, farebbe bene in ogni caso a visitarla al più presto, per scoprire un paese ricchissimo di storia e di magnifiche testimonianze artistiche, come gli affreschi di Masolino da Panicale che ornano il palazzo Branda Castiglioni. Se poi si riuscisse a passare da quelle parti nella serata di sabato 19 maggio, ancora meglio: dalle 18 a notte inoltrata, infatti, è in programma la terza edizione di “Tra Arte e Degustazione“, manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale che ha riscosso un notevole successo nel 2011 con oltre 3000 presenze. Il programma è molto ricco: le vie del centro storico saranno animate da spettacoli, mostre e concerti, ma soprattutto da assaggi di vini e prodotti tipici provenienti anche dalla Svizzera, grazie alla collaborazione con la cittadina di Mendrisio. Da non perdere la risottata in piazza con la partecipazione della Confraternita della Pentola di Senago. Maggiori informazioni nella pagina dell’evento su Facebook.

Pedalare senza fretta

14 maggio 2012

In questi giorni gli occhi di tutti gli appassionati di ciclismo sono puntati sulla nuova edizione del Giro d’Italia, ma c’è anche chi corre con meno fretta e con… più gusto, soprattutto in provincia di Modena. A Castelvetro, in particolare, l’associazione Castelvetro V.I.T.A. promuove come ogni anno la Graspalonga, dedicata agli amanti delle due ruote (a pedali!) e del buon vino. La vera e propria Granfondo si è corsa ieri, ma l’appuntamento che ci riguarda più da vicino è quello di domenica 20 maggio con la Graspalonga Gourmet: un facile percorso di circa 2 ore e mezza in bicicletta, dalle 9.30 alle 12, attraverso i colli emiliani, con 4 soste presso altrettante aziende agricole della zona per la degustazione di Lambrusco Grasparossa e prodotti tipici locali. E per chi preferisce i piedi c’è “Quattro passi tra le colline del Lambrusco“, 7 km di camminata dalle 14.30 alle 18.30, anche qui con una pausa golosa all’Agriturismo San Polo. L’iscrizione costa rispettivamente 8 e 4 euro, mentre i bambini fino a 14 anni possono partecipare gratis.

Le Olimpiadi di Pachino

11 maggio 2012

“Non giocate col cibo!” ammonivano severe nonne e mamme di un tempo. Ma a Pachino, la cittadina in provincia di Siracusa celebre in ogni parte del mondo per i suoi pomodori, ci si diverte a trasgredire questa antica norma in occasione dell’Inverdurata, un’inconsueta gara di mosaici… vegetali. Ogni anno, infatti, i più creativi tra gli studenti di Pachino (ma non solo) si cimentano nella realizzazione di opere d’arte rigorosamente a base di verdura, da esporre lungo la centralissima via Roma: le più belle riceveranno anche premi in denaro. La nona edizione della manifestazione si svolge tra sabato 12 e domenica 13 maggio, accompagnata da una fioritura – è il caso di dirlo – di eventi collaterali: spettacoli musicali, tornei di scacchi e di pallavolo, ma soprattutto il convegno “L’invenzione del pane quotidiano” e la degustazione della domenica sera (ore 19) a cura dell’Istituto Alberghiero della città. Una gioia per gli occhi e per il palato!